Home Il mappamondo

Font Size Changer

Mostra IP Utente


Warning: file_get_contents() [function.file-get-contents]: php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /web/htdocs/www.alfadixit.com/home/modules/mod_showip/browser.php on line 769

Warning: file_get_contents(http://api.hostip.info/?ip=54.224.18.114) [function.file-get-contents]: failed to open stream: php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /web/htdocs/www.alfadixit.com/home/modules/mod_showip/browser.php on line 769
Il tuo IP: 54.224.18.114
Hostname:
ec2-54-224-18-114.compute-1.amazonaws.com

Sistema Operativo: Search Bot
Browser: unknown unkno
Ubicazione:

Il mappamondo


La magia della vela, dall'Elba a Capraia PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
Mercoledì 07 Maggio 2014 08:36
Dal diario di bordo. Giovedì 1 Maggio 2014.

     La partenza è sempre disseminata di allegria, quella che prelude il piacere dell’avventura. La vela si alza appena usciti dal porto, maestosa, rigonfia da un vento flebile che sospinge lo scafo di bolina con leggerezza sorprendente. Nel canale il vento rinforza, il mare scurissimo si imbianca frangendo la superficie dove la barca avanza sull’onda, la sovrasta tranquilla mentre facciamo rotta verso l’Elba. Mare e vento, nient’altro. E la musica sale, avvolgente, sale ritmata, affascinante, la musica della natura che increspa appena il silenzio perfetto. Dalla prua mi sporgo sul nero pece che si perde a vista d’occhio. Sembra proprio di volare da quassù, radente...
 
Album fotografico. Le città del mondo 3. Lisbona PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 19 Marzo 2014 10:04
"

Da Lisbona si torna con un buon sapore, quello un po' amaro della nostalgia

"

Le città di mare hanno un fascino tutto loro. Sarà forse l’ingombrante presenza di quella infinita distesa d’acqua che accomuna le sorti delle genti in ogni parte del mondo. Lisbona non fa eccezione.  Le vie strette strette scendono dalle colline, serpeggiano fra le case, si insinuano nelle piazze brulicanti di vita. Il quartiere dell’Alfama, proprio sotto il castello, è così. Fra ristorantini, birrerie e tanto Fado.

 

La musica corre, volteggia fra le strade, un canto tagliato su misura per questa città, nostalgico, appassionato, con una chitarra potente che scava nel profondo dell'animo. E la tristezza sottile che emana e' la condizione...
 
Album fotografico. Le città del mondo 1. Oslo. Stoccolma. PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
Martedì 11 Settembre 2012 09:22
Oslo. Agosto 2012.

   

Un viaggio al Nord in un fine estate. Perchè al Nord, ad Agosto, l'estate è ormai finita ed il tempo si sa, li, non è mai clemente. Una pioggia leggera e tante nuvole ci hanno accompagnato lungo tutto il viaggio. Grigio insomma anche se non triste. 

 

Stoccolma ha lo sfarzo di una antica capitale, una di quelle vere intendo, che hanno avuto un grande passato di ricchezza e notorietà.



 

Belli gli edifici, le vie, il teatro, bello il palazzo reale. Il centro storico è pieno di vita, ristorantini e pub. Non ci si annoia. Poi il connubbio terra - acqua, un intreccio fra il fiordo, il fiume e le isole su cui poggia il regno degli uomini. E dietro i boschi, la pianura verde e spazio a volontà...
 
Il tè nel deserto PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
Venerdì 23 Settembre 2011 19:41
Un viaggio emozionante, un luogo emozionante; il deserto. Anni novanta, il contrasto stridente fra l'esagerata ostentazione di modernità, di ricchezza, di invadente presenza umana e la natura originaria, estrema ed essenziale del deserto. L'asprezza lascia senza parole, l'inospitale assenza di cose, di vita, di rumore stupisce.

 

 

Il deserto è un non luogo, il negativo di una fotografia, un bianco e nero del pensiero capace di creare, redimere, cancellare. Capace di erigere "dentro" quello che non c'è "fuori". E' un luogo ideale, un crogiolo di poesia, il calice dolcissimo della solitudine che lenisce la sete infinita di se. Lo sgaurdo  si perde, si confonde, un mare attorno di sabbia e fruscii leggeri, sibili, un continuo...
 
Album fotografico. Le citta del mondo 2. Quattro giorni a Berlino PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 12 Maggio 2011 16:56
Berlino è a tratti incolore, anonima come un’agente segreto, a tratti modernissima, a volte inquietante per la sua storia. Le pagine più nere dell’umanità sono scritte qui. In ogni caso i conti sono ormai chiusi e per chi, come me, la visita per qualche giorno, l’uomo della strada insomma, deve accontentarsi di annusarne il disagio in piccole tracce, di intuirne la pesante memoria solo in alcuni angoli. La cicatrice, ad esempio, visibile a terra dove correva la profonda ferita che ne ha sfigurato il volto per oltre quarant’anni: il muro.  Ne resta ancora poco più di un chilometro, a sud, la East Side Gallery ma è ormai un'allegra festa di colori, un gigantesco caleidoscopico di murales.  Niente a che vedere con il grigio...
 
Le mille miglia PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Alfa CD   
Martedì 03 Maggio 2011 20:07
La grande guerra è finita e nell'entusiasmo generale si apre un periodo di incredibili ardimenti industriali e tecnologici che proprio nel nostro paese trovano alcune delle migliori espressioni. Fra queste, dalla passione di quattro amici fanatici di motori,  nasce una corsa destinata ad entrare nella leggenda dell'automobile. Una gara dura, appassionante e molto, ma molto selettiva che da Brescia scende fino a Roma per poi ritornare attraverso tre passi appenninici, per un totale di 1600 chilometri, equivalenti appunto a 1000 miglia.

Il 26 Marzo del 1927 parte la prima edizione con un'Isotta Fraschini che segna l'inizio della favola. Ed è proprio il trionfale successo della prima edizione che porta i quattro amici a organizzare...
 
Appunti sul sentiero delle cinque terre di Liguria PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Alfa CD   
Sabato 12 Marzo 2011 08:13
Muretti a secco, piccole terrazze riarse si intrecciano allo scorrere veloce di logori scalini, snocciolati come rosari dalla muta fatica contadina.

Profumi d’estate e di  vento e dietro il mirto, d'improvviso, un mare largo, possente, sconfinato come un urlo ribollente di moto perpetuo, freme.

Poesia allo stato puro.

Ho silenzio nell'anima.

Il sentiero si inerpica, discende, sprofonda nell'intimo degli archetipi, risorge, s'invola.

Pagine e pagine di mare si inseguono incessanti, onde di passione ardente e ancora mare e chioma ondeggiante di pini raccolti d'un tratto compare.

Poesia allo stato puro colata nel movimento animale delle colline, dei dossi, dei filari, come spine dorsali della memoria.

Vele di lontano, forse...