Home Politica, Società, Media Il giorno di Karol

Font Size Changer

Mostra IP Utente

Il tuo IP: 54.147.142.16
Hostname:
ec2-54-147-142-16.compute-1.amazonaws.com

Sistema Operativo: Search Bot
Browser: unknown unkno
Ubicazione: UNITED STATES

Il giorno di Karol PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Politica, Società, Media - Politica, Società, Media
Scritto da Alfa CD   
Sabato 30 Aprile 2011 09:43

Riflessioni di un credente “difficile” su Giovanni Paolo II e sulla fede.

Per chi come me abita un mondo scientifico, profondamente razionale, parlare di fatti religiosi non è facile. Ma quando si sente il desiderio di farlo è perché la pulsione è forte, irresistibile, perché il magma ribollente dell’inconscio zampilla da ogni dove perforando lo strato spesso della logica. Per noi la fede non scorre liscia, lineare, come un fiume tranquillo di moto laminare ma è tortuosa, difficile, a volte incerta, per nulla scontata, è piuttosto una conquista. O forse sarà perché Giovanni Paolo II  ha caratterizzato con i sui ventisette anni di pontificato una bella parte della mia vita. Forse perché quelli della mia generazione hanno visto compiersi la mirabile parabola della sua opera e ne sono rimasti affascinati, credenti e non.

Oggi la chiesa è lacerata da chi, da un lato, la critica per non essere capace di interpretare la modernità, il ritmo del mondo, l’uomo tecnologico e dall’altro invece, da chi la accusa di non rispettare la tradizione. Wojtyla, forse, è stato il papa che, più di tutti i moderni, ha saputo farne la sintesi, ricucirne la frattura. Da un lato il credo che ha retto incondizionatamente il suo papato, la ferrea convinzione  cioè che la ragione deve essere assoggettata alla fede, e questo non lo pone certo nel solco della modernità, ma dall’altro ha saputo usare la modernità della tecnica come nessun altro, i media e la comunicazione in altre parole, per irrompere sul palcoscenico del mondo come da giovane calcava quello del teatro. Avevamo le scarpe di tela quando la sua elezione calamitò lo schermo con la figura forte e atletica della sua persona, una rottura quasi fisica col passato, un tratto che lo ha contraddistinto per una lunga parte del suo operare, esaltato dal personalissimo carisma quasi soprannaturale. Media e personalità quindi lo hanno reso un mito per la tribù dei cattolici, coagulandolo attorno alle adunate oceaniche, ai papa boys, e benché tutto questo non abbia nulla a che vedere con la voce intima e silenziosa della fede, certamente a quegli uomini Giovanni Paolo ha riconsegnato la speranza, la voglia e la possibilità di cambiare, di accettare anche la sofferenza del mondo più povero e dimenticato.

Un uomo che, vittima dei regimi comunisti, il comunismo lo ha combattuto davvero con forza e perseveranza mai visti prima, un uomo che aveva capito che comunismo e  cristianesimo hanno alla base il più grande principio universale dell’umanità e cioè che tutti gli uomini sono uguali, una fratellanza quindi che ci accomuna al di la del colore della pelle e della condizione sociale e proprio su questo assunto, Giovanni Paolo, ha fondato il più grande progetto di riconciliazione fra est e ovest, sostituire cioè l’ideologia di regime con la fede cristiana, far risorgere in Dio “morto” nella dittatura con il simbolo salvifico della croce, simbolo di fede e al tempo stesso di libertà, la forza di un verbo che sconfigge la paura, "spalancando le porte a Cristo". Il crollo dei regimi comunisti ha però frantumato l’ateismo di stato operandone la mutazione genetica e come la fenice, è risorto nel secolarismo, nel consumismo, nel qualunquismo dell’uomo moderno, come una diabolica idra dalle mille teste  si è insinuato  stabilmente nelle variegate pieghe delle coscienze. La solidità dei principi cristiani si è dissolta in una società "liquida" e terrena, priva di riferimenti superiori e priva di quelle forti trascendenze che, secondo Giovanni Paolo, dovrebbero condurre l’uomo fuori dai pantani della storia.

Un uomo comunque che la storia l’ha scritta davvero, che ci ha fatto riflettere e commuovere nei giorni della sua sofferenza fisica e morale, nei giorni in cui, ormai conscio della sua imminente dipartita, si è fatto egli stesso agnello sacrificale, simbolo ultimo della caducità della carne e della resurrezione dello spirito.  E quella storia, che si creda o no, ancora non è finita.

 

Claudio Donini per alfadixit.com. Riproduzione vietata.

Alfadixit.com opinioni e pensieri dell'uomo della strada, è anche una pagina di facebook

Articolo pubblicato anche da Agoravox Italia

Ultimo aggiornamento Giovedì 22 Settembre 2011 07:10
 

Commenti  

 
+1 #1 Alfa CD 2011-10-11 12:25
OK
...devo ammetter che durante il pontificato di questo beato, mi sono allontananto dalla chiesa di roma e salvo eventi spettacolari, come la venuta in terra del Cristo vero, difficilmente ci rientrerò. Ci sono troppi delinquenti che frequentano le chise. Non mi è mai piaciuto stare insieme a simili individui.
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna