Home Politica, Società, Media La scuola buona

Font Size Changer

Mostra IP Utente


Warning: file_get_contents() [function.file-get-contents]: php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /web/htdocs/www.alfadixit.com/home/modules/mod_showip/browser.php on line 769

Warning: file_get_contents(http://api.hostip.info/?ip=54.224.18.114) [function.file-get-contents]: failed to open stream: php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /web/htdocs/www.alfadixit.com/home/modules/mod_showip/browser.php on line 769
Il tuo IP: 54.224.18.114
Hostname:
ec2-54-224-18-114.compute-1.amazonaws.com

Sistema Operativo: Search Bot
Browser: unknown unkno
Ubicazione:

La scuola buona PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Politica, Società, Media - Politica, Società, Media
Scritto da Administrator   
Giovedì 15 Settembre 2016 09:32

"

Se i professori non vogliono spostarsi, perché lede i loro diritti, allora spostiamo gli studenti


"

Ciò che proprio non capisco è perché un qualunque ingegnere metalmeccanico si sposta dove trova lavoro mentre un insegnante laureto in filosofia invece no. Del resto alla mia generazione hanno sempre detto che il lavoro lo si coglie dove e quando c’è. Ma i professori sono un’altra cosa e pure i tempi sono cambiati, quindi per risolvere il problema propongo che siano gli studenti a spostarsi. Da Bolzano potremmo portare intere classi a Caltanisetta con l’indubbio vantaggio che il professore potrebbe pure timbrare in mutande.

Il fatto è che da decenni tutto ciò che viene fatto o anche solo proposto nella scuola viene selvaggiamente contestato dal corpo docente. Non basta aver fatto i concorsi e tentato di regolarizzare i precari, adesso bisogna pure assumerli a casa loro e senza considerare il fatto che la maggior parte dei concorrenti è stata pure bocciata. Se i docenti non sono disposti a trasferirsi lascino il posto a chi lo vuole fare. Come qualsiasi metalmeccanico. La differenza è però che assegnata la sede il docente accumulerà impunemente assenze per malattia mentre il metalmeccanico no, pena il licenziamento.

Il punto è che la mentalità del personale scolastico è in gran parte rimasta quella degli anni settanta, la scuola è vista come un comodo “stipendificio” che deve rispondere alle esigenze di chi la fa e non di chi ne usufruisce. I concetti di “esigenze del destinatario” e cioè la società e gli studenti, di “qualità del servizio erogato” sono solo fantascienza da filosofi. Siamo lontani, purtroppo, anni luce da una mentalità moderna che guarda al futuro. E se questa è la scuola figuriamoci cosa saranno gli studenti. Perchè quindi stupirci se nelle classifiche internazionali la prima scuola italiana è oltre il quattrocentesimo posto?

Buona scuola a tutti.


Claudio Donini

 

Articolo pubblicato anche su Agoravox

Ultimo aggiornamento Venerdì 30 Giugno 2017 12:39
 

Commenti  

 
0 #2 Alfa CD 2017-02-03 18:10
Caro Michele
qui c'è solo un fatto. BSecondo il corpo docente bisogna creare il lavoro a immagine e somiglianza dei professori. E questo, secondo me, non è bene per la scuola, per gli studenti e per il paese. Punto. Quali sono le menzogne?
Citazione
 
 
0 #1 Michele 2017-02-02 22:42
troppe menzogne in questo articolo per poterle controbbatere.
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna